La nostra storia

Il Centro d’Arte “Medardo Rosso” ha le radici nel 1989 con la nascita del Centro di Poesia Cultura e Arte creato da Remo Delmonte “Ramon” e altre persone, fra cui molti artisti che vogliono diffondere la cultura a 360 gradi in tutti gli spazi della comunità.

Iniziano così a moltiplicarsi serate musicali e poetiche in biblioteche, circoli ARCI, birrerie, gallerie d’arte con un seguito sempre più ampio. Parallelamente nasce la rivista “Dea Cagna” (citazione da Henry James)  che rimane attiva fino al 1996 (gli articoli più interessanti verranno riproposti su questo sito).

Nel 2007 prende vita un nuovo sogno: avere un luogo fisico proprio dove proporre e realizzare cultura – concretamente – sempre in una logica di apertura. 

Si parte da un capannone dismesso su un terreno del demanio, lungo il torrente Modolena a Montecavolo, si cercano le strade per renderlo utilizzabile e nel frattempo si iniziano i veri e propri lavori di adattamento e di ristrutturazione con l’utilizzo prevalente di materiale di riciclo e tanta, tanta fatica soprattutto da parte di Ramon e con la collaborazione di due soci Saverio Coluccio e Giorgio Romani.

Nel 2013, finalmente, l’inaugurazione del Centro d’Arte “Medardo Rosso”, alla presenza di più di 300 persone.

Il Centro comprende due sale per mostre e eventi, un laboratorio per la lavorazione artistica dei metalli e uno per la pietra e/o marmo, un grande forno per pane e grigliate, un parco della scultura e una zona per frutti e orticoltura.

L’inaugurazione


Leggi il discorso inaugurale di

Ramon Delmonte del Centro d’Arte “Medardo Rosso”

e di Alfredo Gianolio

30 novembre 2013